Una bottiglia che ha fatto la storia

Tu sei qui

18 Giugno 2020

Non tutti sapranno che Un tempo la bottiglia a for a di anfora era esposta nel Museo dell'Ara Pacis di Roma

Ricordi questa bottiglia così sinuosa?

Click here: Tuttavia, non sapevamo ancora che questa bottiglia fosse stata esposta un tempo nel Museo dell'Ara Pacis di Roma, ben 10 anni fa!

 

Una bottiglia che ha fatto la storia

Non tutti sapranno che Un tempo la bottiglia a forma di anfora era esposta nel Museo dell'Ara Pacis di Roma
Ricordi questa bottiglia così sinuosa?
Se sei già un fan di Interprocom, potresti averla già intravista tra le nostre news su Wechat.

Tuttavia, non sapevamo ancora che questa bottiglia fosse stata esposta un tempo nel Museo dell'Ara Pacis di Roma, ben 10 anni fa!

La bottiglia a forma d’anfora del Titulus di Fazi Battaglia è stata selezionata per la mostra “Disegno E Design - Brevetti E Creatività Italiani” che si è tenuta dalla fine del 2009 fino all'inizio del 2010.

Questa prestigiosa mostra è organizzata dalla Italy Value Foundation ed è dedicata al design e alla cultura italiana di alto livello.

In molti ritengono che il design di questa bottiglia ad anfora abbia dato il via ad un design e una tecnologia in grado di resistere nel tempo e quindi che continui ad essere fonte di ispirazione per altre novità.
La bottiglia ad anfora, totalmente diversa dalle comuni bottiglie di vino già presenti sul mercato, si ispira agli antichi vasi etruschi. Nel 1953, il nonno dell'attuale proprietario e co-fondatore della cantina Francesco Angelini era molto ansioso di creare un contenitore esclusivo che avrebbe reso immediatamente riconoscibile il suo Verdicchio, e quindi per stabilire quale potesse essere , decise di tenere un concorso vinto poi dall'architetto Antonio Maiocchi.

Di conseguenza non solo la bottiglia di anfora divenne popolare, ma inoltre, fece guadagnare popolarità : al vino che conteneva, il Verdicchio, all'uva Verdicchio, alla cantina e persino alla zona di produzione. Soprattutto in America dove hanno ribattezzato la bottiglia "Sofia Loren" (icona italiana per eccellenza) per la sua forma unica.
La forma sinuosa, il colore verde smeraldo e la pergamena attaccata al collo sono le peculiarità di questa nota bottiglia a forma di anfora di Fazi Battaglia. Anche se spesso imitata, la bottiglia non è mai stata emulata del tutto, poiché è stata tutelata dal brevetto registrato nel 1953 e costantemente aggiornato.
Fino ad oggi il Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico DOC e Passerina Marche IGT racchiusi in queste famose bottiglie a forma di anfora sono venduti in tutto il mondo, e per molti la bottiglia è considerata un simbolo dell'azienda stessa e della denominazione del Verdicchio dei Castelli di Jesi.

Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico
Vitigno: Verdicchio dei Castelli di Jesi
Colore: giallo paglierino con riflessi verdognoli
Profumo: al naso è fresco, con note di mela, pera, fiori di ginestra e anice.
Sapore: In bocca è ricco, sapido e minerale, con un piacevole finale di mandorla.

Vitigno: Passerina
Colore: giallo paglierino
Profumo: Si apre al naso con sensazioni di pesca e albicocca, poi arrivano note speziate e pepe bianco.
Sapore: fresco e sapido con un finale fruttato.

Oltre ai vini bianchi di alta qualità imbottigliati nella famosa anfora, Fazi Battaglia produce anche rossi utilizzando le migliori uve Sangiovese e Montepulciano locali.

Passo del Lupo Rosso Conero DOC
Vitigno: 85% Montepulciano, 15% Sangiovese
Colore: rosso rubino brillante con sfumature violacee
Profumo: intenso bouquet di frutti di bosco, fiori selvatici e frutti rossi.
Sapore: vivace ed elegante, ben arrotondato con buona concentrazione.

Iscriviti alla Newletter

Per ricevere informazioni sui prodotti, le promozioni, le offerte e gli eventi

Iscriviti